Četba v italštině: L’Italia prima di Roma

20.02 2017|Četba

La nostra storia inizia nel mare Mediterraneo, un mare abbastanza speciale. È piccolo, se pensiamo a come sono grandi l’oceano Atlantico o l’oceano Pacifico, e le sue acque di solito sono calme. Questo rende facile la navigazione e fin dall’antichità molti popoli lo hanno attraversato da una parte all’altra, scambiandosi i prodotti e le conoscenze.

Le terre intorno al Mediterraneo hanno un clima molto favorevole: non è troppo freddo d’inverno, l’estate è calda ma piove abbastanza da far crescere vari tipi di piante. Gli uomini hanno abitato queste terre da tempi antichissimi: prima andavano a caccia e raccoglievano i frutti che crescevano in natura, poi hanno sviluppato l’agricoltura e l’allevamento.

Dal 4000 a.C. nascono vicino al Mediterraneo grandi civiltà come quelle della Mesopotamia e dell’Egitto e grandi città come Uruk, Ur, Ebla e Tebe. La nostra storia dell’Italia comincia invece alla fine dell’età del bronzo, verso il primo millennio a. C., circa 3 mila anni fa, quando nella penisola abitavano contadini, pastori e cacciatori, che vivevano in piccoli villaggi fatti di capanne di legno, qualche volta di sassi. I loro strumenti all’inizio erano di pietra, in seguito si cominciano a usare i metalli.

Il rame è un metallo che si fonde facilmente, ma è poco robusto. Si scopre allora che il rame fuso insieme a un altro metallo, lo stagno, dà un materiale molto più resistente, il bronzo, ed è per questo che oggi chiamiamo questa epoca età del bronzo. Solo più tardi si scopre come lavorare il ferro, un metallo difficile da fondere ma che dà prodotti ancora più duri e resistenti.

Nel periodo in cui si usavano il bronzo e il ferro, diciamo tra l’800 e il 500 a.C., in Italia vivevano diversi popoli: al Nord c’erano i celti, i liguri, i veneti. Al Sud troviamo volsci, sanniti, campani e lucani. In Sicilia abitavano popoli del luogo come sicani e siculi, ma anche alcune importanti colonie di persone venute dalla Grecia e dal Nord Africa, come i fenici.

In Sardegna c’era una misteriosa civiltà chiamata nuragica, che costruiva grandi torri di pietra, chiamate “nuraghi”. Nel Centro dell’Italia troviamo, in corrispondenza dell’Emilia, un popolo che viveva in capanne costruite sull’acqua, chiamate “terremare”.

Ma la civiltà più importante in quegli anni era quella degli etruschi, che vivevano nel Nord del Lazio e in Toscana. Gli etruschi erano molto ricchi e potenti: costruivano grandi città e begli oggetti artistici, erano grandi viaggiatori e commercianti, sapevano lavorare i metalli e coltivare la terra.

L’Italia prima di Roma - četba v italském jazyce. Naučte se nová slovíčka četbou italské historie. Četba v italském jazyce o historii Itálie
Vyuka italštiny

 303 
  Komentáře
YouTube video
Přidat obrázek
PŘIDAT KOMENTÁŘ